I PARTITI DI MINORANZA SERVONO SOLO ALLA MAGGIORANZA

Siamo sicuri che i partiti di minoranza servano a qualcosa, se non a togliere preziosi voti alla maggioranza? Sembrerà un discorso banale, il mio, ma temo che con la trappola dello “sfogatoio per poveri allocchi” il “banco vinca sempre”.

Il Partito Democratico, gradito per lo più dai radical chic nostalgici di un comunismo mai vissuto e superficialmente conosciuto o addirittura mistificato dai tizi dei salotti che tanto amano frequentare, ha bisogno di togliere voti al centrodestra, unico grande rivale di Renzi & co. Proprio per questo le lobby e i grandi industriali che muovono le fila della politica hanno creato gli “sfogatoi”, come le antiche case chiuse in cui si recavano i mariti repressi in totale privacy e senza pericolo di ripercussioni nella sfera privata, “incanalatori” di rabbia e malcontento popolare, “raccoglitori” di tutte le possibili micce di un’ipotetica bomba rivoluzionaria. Casa Pound, Forza Nuova, Popolo della Famiglia e compagnia ne sono il classico esempio. Non ho mai avuto fiducia nella democrazia per il semplice fatto che non lascia spazio, almeno dal punto di vista politico, alle minoranze. Se anche ottenessero qualche voto, i partiti che ho citato poc’anzi, cosa cambierebbe realmente? Qualche seggio in parlamento sottratto alla maggioranza (bene che vada) può davvero mutare una situazione in maniera radicale, come ormai pretendiamo noi italiani? Certo che no. Però alle pecore nere della democrazia bisognerà pur accontentarle (per non dire “zittirle”), rifilandogli un contentino senza alcuna speranza di concretizzazione ed evitando che escano dal mucchio dei votanti e attuino qualcosa di più concreto. Il Movimento Cinque Stelle è un caso a parte, l’unico partito che a pochi giorni dalle elezioni tira fuori gli scheletri dall’armadio dei suoi “militanti” per perdere voti, per non rischiare di arrivare al governo e dimostrare una volta per tutte di non sapere minimamente come risollevare le sorti del paese (stranamente la sovranità monetaria non è più nel loro programma…). E non venite a dirmi che gli scandali di questi giorni che vedono protagonisti i grillini sono colpa di Renzi o Salvini perché non ci credo. Un bonifico per rimborso spese annullato dopo aver stampato la ricevuta è roba da KGB. Troppo contorto, solo chi è addentrato nelle faccende del Movimento Cinque Stelle può saperlo. Grillo (o chi lo gestisce) sa benissimo che il siparietto del movimento anti politico che vuole vincere a tutti i costi ma non ce la fa per un soffio è un vantaggio sia per lui che per le sue creature (Di Maio, Di Battista e compagnia bella). Vi è poi un caso di “sfogatoio per poveri allocchi” anche all’interno della coalizione del centrodestra. Silvio Berlusconi, pro Europa, pro Euro, improvvisamente più a sinistra di Salvini e Meloni riguardo l’argomento famiglia, ormai caricatura di se stesso, sembra voler mettere i bastoni tra le ruote a Salvini per portare l’Italia a un “governo-inciucio” poco proficuo, addirittura dannoso. Che il gioco di Silvio sia quello di rendere l’assetto istituzionale (o l’eventuale opposizione in caso di sconfitta) filorenziana o più moderata lasciando che i poteri occulti proseguano indisturbati il loro percorso di decristianizzazione e decivilizzazione? Forse sono un po’ troppo “complottaro”…

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...